sabato 4 luglio 2009

4 Luglio, Independence Day

Dal sito del Parlamento, riporto i dati della votazione definitiva al senato sulll'infame ddl sicurezza:
Presenti: 285
In congedo o in missione: 12
Numero legale: 156
Maggioranza: 143
Votanti: 284
Favorevoli: 157
Contrari: 124
Astenuti: 3
Al momento del voto definitivo al senato sul ddl sicurezza erano assenti i seguenti senatori del PD: De Castro Paolo e Marcucci Andrea (assenti x congedo o in missione). Le altre assenze nel PD di cui non conosco il motivo: Adragna Benedetto di Agrigento, Bastico Mariangela di Modena, Franco Bruno di Cosenza, Di Girolamo Leopoldo di Terni, Fistarol Maurizio di Belluno, Granaiola Manuela di Viareggio, Crisafulli Vladimiro di Enna e vedi anche qui e Papania Antonino di Alcamo, (Papania Antonio: ha patteggiato davanti il gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso di ufficio. La vicenda risale al ‘98 quando Papania, all’epoca assessore regionale al Lavoro, venne coinvolto in un’inchiesta condotta dalla Procura di Palermo su una compravendita di posti di lavoro. Secondo i magistrati, alcuni esponenti di un sindacato, il Failea, avevano promesso assunzioni a 15 ex detenuti in cerca di lavoro in cambio di somme di denaro che arrivavano fino a 3 milioni di lire. Per queste assunzioni i sindacalisti si sarebbero rivolti a pubblici ufficiali e politici. A Papania che aveva dato lavoro a disoccupati privi dei titoli richiesti dalla legge, i pm avevano contestato il concorso esterno in associazione a delinquere e abuso d’ufficio). Randazzo Antonino (membro comitato italiani all'estero) residente a Melbourne, (visto che gli italiani all'estero possono votare per corrispondenza tanto più immagino lo possa fare un senatore) Sbarbati Luciana residente ad Ancona.
Assenti i senatori a vita: Giulio Andreotti (che era presente e aveva votato no alla fiducia), Oscar Luigi Scalfaro, Carlo Azeglio Ciampi (in missione), Francesco Cossiga, Rita Levi-Montalcini, Sergio Pininfarina
Tutti presenti in aula invece i 14 senatori dell'IDV.
12 voti in più avrebbero portato da 124 a 136 il totale dei voti contrari, non sarebbero bastati comunque, ma di fronte a un testo di legge illiberale e nazista come questo secondo me bisognava dare un segnale forte di presenza e di compattezza.
Se nel Pd per citare il Crisafulli ("Il mio concetto di legalità", ha detto una volta Crisafulli a Francesco Forgione, deputato di Rifondazione, "è più elastico del tuo") il concetto di eticità fosse meno elastico forse ci sarebbe una sinistra che fa opposizione invece di cercare l'intrallazzo o inciucio.
Riporto inoltre integralmente il testo della lettera di Don Paolo Farinella (se nel Pd ci fossero tanti Don Farinella al posto dei Don con la coppola...)
Il decreto vergognoso del governo della vergogna
di don Paolo Farinella


Come cittadino, come prete e come presidente dell’Associazione “Massoero 2000” di Genova che si occupa di senza fissa dimora, dichiaro la mia totale e ferma obiezione di coscienza allo scellerato decreto dell’ignobile governo italiano, proseguendo la dichiarazione di ieri.

Parte Seconda: La commedia
Genova, 4 luglio 2009. – Parola di Dio! No, della Cei! Anzi del Vaticano! Venghino, signore e signori, la commedia è cominciata. A decreto appena sfornato, ancora caldo e fumante, il responsabile vaticano dei Migrantes osa dire che il decreto «porterà molto dolore»; gli fa eco la Cei che parla a più voci: «Sull’immigrazione non basta l’ordine pubblico ma servono anche politiche volte a favorire l’integra-zione». Il direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Cei afferma che «di fronte al fenomeno complesso dell’immigrazione, è evidente che una risposta dettata dalle sole esigenze di ordine pubblico - che è comunque necessario garantire in un corretto rapporto tra diritti e doveri - risulta insufficiente'».
Non è il massimo che dovrebbero dire due istituzioni religiose, ma anche un buffetto dato al momento giusto, è significativo e meglio di niente. Le parole fragili e timide erano ancora in aria e non si erano depositate in terra, che come uno sputo a tradimento arriva la dichiarazione ufficiale del portavoce vaticano, Padre Federico Lombardi: «Il Vaticano come tale non ha detto niente sul decreto sicurezza approvato dal governo italiano. Ha parlato monsignor Marchetto [Ufficio Migrantes del Vaticano], ma non mi consta che il Vaticano in quanto tale abbia preso posizione». A noi consta, consta!
Il Vaticano non ha detto niente, non ha preso posizione e il suo niente ha la potenza dirompente della parola esplicita: il governo è al sicuro, Bossi può discettare sui preti che parlano ma non contano niente e Maroni fa spallucce a quelle che definisce «liturgie», cioè rituali vuoti e inutili. Non si è fatto attendere l’esimio fascista La Russa, nonché ministro della Difesa, che, grato pose: «Siamo lieti della precisazione del Vaticano, che mette in rilievo la differenza tra un giudizio, legittimo, di monsignor Marchetto e quello del Vaticano». Obiettivo raggiunto, come si conviene tra compari.
Come volèvasi dimostrare, il cerchio ora è quadrato. Speravamo di ascoltare dal portavoce del papa parole semplici, antiche, parole dal sapore evangelico come «voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù» (Ef 2, 19). Oppure, se ancora il papa e la sua corte non fossero arrivati al Nuovo Testamento, le parole dell’Antico: «perché il Signore vostro Dio … [è] il Dio grande, forte e terribile che non usa parzialità e non accetta regali, rende giustizia all’orfano e alla vedova, ama il forestiero e gli dà pane e vestito. Amate dunque il forestiero, perché anche voi foste forestieri nella terra d’Egitto» (Dt 10,17-19) a cui fa eco il Cronista: «nell’agire, badate che nel Signore, nostro Dio, non c’è nessuna iniquità: egli non ha preferenze personali e non accetta regali [= non si lascia corrompere con regali]» (2Cr 19,17).
Abbiamo sentito solo voci di diplomazia da tornaconto, di ossequio servile, di eresia e di apostasia dalle quali prendo le distanze in modo netto e senza paura delle conseguenze. Io, Paolo Farinella prete mi dichiaro «obiettore di coscienza» al decreto 733-B/2009 e al Vaticano che non riconosco come mio Stato e che non mi rappresenta come prete della Chiesa Cattolica, apostolica e universale. Anzi, lo considero una maledizione di Dio sull’intera Chiesa e prego che sprofondi negli abissi della Gehènna.
Avevo facilmente previsto che l’inasprimento del 41-bis nei confronti dei mafiosi, sarebbe servito come foglia di fico per accreditare un governo screditato come tutore di legalità. Le cronache confermano e il diritto è affossato. Di seguito un breve ripasso della Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo (Onu, 10-12-1948) sottoscritta dall’Italia quando era uno Stato di Diritto:

«Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti» (art. 1). «Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione ( art. 2 § 1)». «Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona (art. 3)». «Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù (art. 4)». «Ogni individuo ha diritto, in ogni luogo, al riconoscimento della sua personalità giuridica (art. 6)». «Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione, ad un'eguale tutela da parte della legge … contro ogni discriminazione che violi la presente Dichiarazione come contro qualsiasi incitamento a tale discriminazione (art. 7)». «Nessun individuo potrà essere arbitrariamente arrestato, detenuto o esiliato (art. 9)». «Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio Paese (art. 13 §§ 1-2)». «Ogni individuo ha diritto di cercare e di godere in altri Paesi asilo dalle persecuzioni (art. 14 § 1)». «Ogni individuo ha diritto ad una cittadinanza. Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua cittadinanza, né del diritto di mutare cittadinanza (art. 15, §§ 1-2)».

Il decreto del governo della vergogna ci colloca fuori da questa logica, da questa civiltà e dalla storia del Diritto, ma è ancora più grave che, per graziosa concessione del Vaticano, la Chiesa intera è dichiarata estranea al Vangelo, a Dio e a Gesù Cristo. Mi chiedo con quale diritto il papa e i suoi portavoce possano chiedere che nella Costituzione UE sia scritto un riferimento esplicito alle «radici cristiane».

I cristiani della base, moltissimi preti, i volontari, le associazioni e le donne e gli uomini di buona volontà si oppongono e si opporranno a questo decreto anche a costo della loro vita e il Vaticano vada in perdizione. Nessuno lo rimpiangerà, tranne il governo Bossisky-Berluskonijad, compagnucci di merende e di abiezione.

2 commenti:

Carlo De Petris ha detto...

c'è gente che sonnecchia un pò troppo qui. Opposizione inconsistente. Erano troppo dediti a sparlare della nuova arrivata nel partito la quale osa parlar male di Massimino ed i suoi fidi.

patri ha detto...

Peggio, opposizione INESISTENTE,
Certo gli fa paura ai Dalemoni, Finocchiaro, Veltroni, Bersani una che vuole mettere in discussione il vecchio apparato, continuassero così che vedrai che si autoestinguono con le loro zampe e ne resteranno tanti quanti ne ha l'UDC, fanculo quanto m'ha fatto incazzare la Finocchiaro che invece di fare il lavoro suo, cioè opposizione a un governo illiberale attacca l'alleato Di Pietro!.....